Visualizza per tag: "tradizioni"

Vecchie usanze…

Scriveva un giornale del 1913: «Nella piccola baia giapponese di Shima, aperta sul immenso Pacifico, c’è una minuscola colonia ancora quasi ignorata che vive raccolta ed estranea al mondo da più di dieci secoli e non abita che un solo piccolissimo villaggio. Va da sé che la colonia è composta di uomini e di donne; ma uomini e donne si sono scambiati con perfetto accordo le funzioni e le azioni. Gli uomini sono degli esseri privilegiati che vivono beatamente nel più dolce far niente. L’attività, l’energia e la ricchezza sono le donne: sono infatti loro i veri capi delle famiglie, e la loro quotidiana occupazione consiste nello stare immerse nell’acqua allo scopo di cercare le preziose perle che sono nascoste negli abissi dell’oceano».

Tags: , , ,

venerdì, aprile 1st, 2016 news Commenti disabilitati

Vetraio chef

Si narra che il classico risotto alla milanese nacque a Milano nel 1574, quando un artigiano che lavorava alla realizzazione delle grandi vetrate del Duomo prese in moglie la figlia del suo maestro, Valerio di Fiandra; per far colpo sugli invitati al banchetto nuziale, aggiunse al risotto un po’ dello zafferano che veniva usato nella preparazione dei singoli vetri colorati utilizzati poi per comporre le vetrate. Il risultato fu talmente sconvolgente per l’epoca, che in maniera inaspettata, questa ottima e particolare ricetta si diffuse a macchia d’olio.

Tags: , , , ,

venerdì, luglio 3rd, 2015 news Commenti disabilitati

Tradizioni…

Presso gli indios Huicol del Messico vi­ge una strana usanza: mentre gli uomini sono via per la caccia. le donne, quattro giorni dopo la loro partenza, si radunano insieme per confessare al Grande Pa­dre Fuoco a quali uomini si siano date dalla fanciullezza fino a quel giorno. Preparano un nastro con tanti nodi quanti sono stati i loro amanti e davanti al fuo­co li enumerano uno per uno: terminata la confessione, gettano il nastro sul fuoco, così che i loro peccati vengano can­cellati, e poi se ne vanno in pace.

Tags: , , ,

giovedì, luglio 3rd, 2014 news Commenti disabilitati

“Mangiarsi le unghie”


In tempi passati, molto prima che si diffondesse l’uso delle forbici e delle tronchesine, la lun­ghezza delle unghie dei neonati e dei bambini veniva regolata con i denti dagli adulti.Ma  secondo una antica leggenda e superstizione, solo le madri potevano masticarle e accorciarle, per evitare che i bambini da grandi diventassero ladri.

Tags: , , , , , ,

domenica, settembre 15th, 2013 news Commenti disabilitati

Una birra del nord

La Birreria Stralsund rende con le birre Störtebeker viva l’attenzione per il luppolo. La condizione tipica del Nord tedesco, con una certa ironia, cade su di te con la sua caratteristica impronta. E che ha da offrire i bevitori di birra oggi? Un ottimo prodotto che ha anche un buon gusto. E se questo è stato modificato dopo gli ultimi test di settembre, stiamo per scoprirlo. Spinandola nel bicchiere sembra davvero splendida: un giallo intenso dorato brillante con spuma ferma, cremosa ricca. Non potrebbe essere migliore. Da gustare con le bollicine vivaci che salgono armoniosamente. L’odore può creare una certo imbarazzo negli utenti meno esperti per via di quel malto molto pronunciato. Il primo sorso è poi direttamente il martello che colpisce la lingua con l’amaro tipico della Germania settentrionale, in modo che la prima impressione sia notevole. In seguito arriva in bocca una dolcezza molto sottile di malto, che si può  “ascoltare” davvero solo in modo accurato. Molto più efficace l’essenzialità. Un sapore subliminale, ma ancora esistente, che ha una caratteristica abbastanza urtypisch e questa birra da Stralsund conserva qualcosa di speciale. E così abbiamo una differenza fondamentale con l’ultima data del test. È sorprendente.  Proprio come l’amaro del luppolo pronunciato.  Molto meglio di quanto non fosse l’ultima volta, è ormai vicina alla perfezione assoluta.

Tags: , , , ,

mercoledì, ottobre 24th, 2012 news Commenti disabilitati

Concorso per birre

La fabbrica di birra Frankenmuth ha vinto un argento e due medaglie di bronzo nel World Expo di birra, svoltasi recentemente a Frankenmuth, Michigan. Birrai provenienti da tutto il mondo hanno esposto le loro migliori birre alla critica in questa competizione tra mastri birrai degno di nota della Hofbrauhaus di Monaco di Baviera, in Germania e Sam Adams a Boston, Massachusetts Michigan aveva qualche forte rappresentanza anche con Bells Brewery di Kalamazoo e Dark Horse Brewery di Marshall. Più di 400 birre erano presenti in rappresentanza di decine di fabbriche di birra.

Tags: , , , , , ,

lunedì, giugno 14th, 2010 news Commenti disabilitati


Mon, 09/12/2019 - 17:01 (+01:00)

Ricerca Articoli

 

Tag Cloud